When I Was Young tutto era più bello: vivere senza responsabilità, giocare tutto il giorno, fare domande senza senso, guardare cartoni animati.
Bisogna mantenere quel fanciullinico stupore che ci evita di entrare in paranoia venti volte al giorno, bisogna vivere alla giornata, ridere di tutto, meravigliarsi di tutto, ascoltare il fanciullo pascoliano che canticchia dentro di noi e prendere tutto come viene.









Non sapremo mai che strada troveremo fuori dal cancello della nostra dimora. La grande fortezza in cui noi, piccoli germogli di una giovane pianta abbiamo trovato riparo. Quel castello in cui i nostri stanchi volti hanno riposato in mezzo a soffici cuscini e calde lenzuola, per ordine del re, con una fata al fianco che con le sue ninne nanne ci conduce da morfeo.

Avvolti dal caldo sole, sotto l' ombra di floridi giganti verdi intrisi dal canto delle cicale, creavamo sorrisi, costruivamo piccoli rifugi eravamo ingenui folletti dall' animo incontaminato fatto solo di fantasia, colori, caramelle al gusto di fragola e frutti di bosco, di enormi bicchieri di fresco te alla menta, di psichedelici lecca lecca.


Eravamo gnomi con dei puri e grandi cuori di cioccolata.
Era il tempo in cui eravamo tanto alti da non superare il tavolo della cucina.
"Crescerai!" dicevano e aspettavamo che la sabbia scendesse nella clessidra sporcandoci le mani con i pastelli.
Poi quando il sole ci dava il suo arrivederci respiravamo l' aria pungente avvolti in sciarpette colorate che ci coprivano anche il naso. Eravamo piccoli koala che saltavano e giocavano sotto cascate di zucchero a velo.

Eravamo gnomi con dei puri e grandi cuori di cioccolata.
Era il tempo in cui eravamo tanto alti da non superare il tavolo della cucina. "Crescerai!" dicevano e aspettavamo che la sabbia scendesse nella clessidra sporcandoci le mani con i pastelli.


Poi quando il sole ci dava il suo arrivederci respiravamo l' aria pungente avvolti in sciarpette colorate che ci coprivano anche il naso.
Eravamo piccoli koala che saltavano e giocavano sotto cascate di zucchero a velo.

Pics - Bio - Nakata - Home

vieni a scoprire il carnevale di cinisi rodolfo resterai per sempre nei nostri cuori Fabrizio De Andre - poeta immortale 11 settembre 2001 - per non dimenticare Postcards by Nakata Impastato.com firma il guestbook di Nakata Impastato